Realtà, fantasia e fatalità

Il confine tra realtà e fantasia divide i sogni dalla realtà. Ci restituisce un’esperienza di vita ancorata ai suoi limiti. Ci aiuta a non impazzire, va però continuamente messa in discussione per poter evolvere

Credo che tanto più avrò coltivato in armonia queste due tendenze, tanto più riuscirò ad affrontare serenamente i cambiamenti della mia curva esistenziale.
E infatti ogni tanto bisogna sapersi lasciare andare. Meglio il rimpianto (di non esserci riusciti) che il rimorso (di non averci creduto abbastanza). Seguendo la fantasia si trova la curiosità e così si scoprono cose nuove.
(Non avrei mai pensato fino a qualche tempo fa che mi sarebbe capitato di chattare con un sex-addicted. E che l’avrei trovato simpatico e innocuo. E che in seguito gli avrei parlato davanti ad una web cam.. e forse anche davanti ad un aperitivo??)
La fantasia è un elemento della realtà. Non è possibile rimuoverla e neppure renderla immortale. La fantasia produce incessantemente pensieri ed emozioni che subito dopo si trasformano in qualcos’altro.. ragionamenti, idee, azioni, fino a quello che scompare senza nemmeno lasciare traccia. La fantasia rappresenta quel surplus cerebrale che ci distingue dal mondo animale: la capacità di sentire e ragionare in astratto, a prescindere dall’esperienza di vita specifica che ci colloca in un determinato spazio-tempo-contesto.
Qualche tempo fa, sempre inchiodata in città nonostante l’estate inoltrata, ho assistito ad un incidente nel mio quartiere. Soccorro un ferito lieve, e faccio notare ai vigili che una delle due auto coinvolte ne aveva urtata una terza parcheggiata. Loro sostengono che no, quel “graffio” non poteva esser stato provocato dall’urto con la macchina che aveva perso il controllo della strada (forse dato l’orario notturno non volevano complicarsi il turno?).
Io insisto affinché verbalizzino invece che io ho visto la macchina slittare da quel lato e colpire quella parcheggiata. Torno a casa quasi all’alba, ripensando alla mia buona azione. Ho impiegato due ore del mio sonno per difendere la verità (esagerando..). Sono orgogliosa ma anche stanca.
Il mattino dopo (cioè 4 ore dopo) mi citofonano. E’ il proprietario della macchina parcheggiata. Prendo la porta, obbedendo alla portinaia che mi dice “scendi che ti aspetta”. Io sto ancora dormendo quindi appunto eseguo senza pensare. Esco di casa in pigiama e prendo l’ascensore.
Mi aspettavo un altro genere di persona, il classico abitante arrogante del mio quartiere. Invece scendo e mi trovo davanti un giovane dinoccolato e riconoscente. Ci scambiamo il numero, i dati e lo stupore reciproco della buona predisposizione di entrambi. Vive di fronte a me, anche lui forse non è abituato a trovare molta gentilezza qua nei dintorni. Qualche giorno dopo mi scrive su whatsapp informandomi che parte, mi ringrazia per l’aiuto, mi augura buone vacanze e mi dà appuntamento per colazione.. a settembre.. carino.
Quando l’incontro (on line o per coincidenze della vita reale, per amore, amicizia o lavoro) avviene al di là delle speranze o timori che abbiamo nutrito a riguardo (quando la realtà supera la fantasia e il nostro orgoglio), allora ci mette in discussione e ci può sorprendere.
A prescindere dall’incontro fatale, se la socialità fosse per davvero una possibilità reale per vivere meglio? e se io potessi avere un amico nuovo che vive di fronte a casa mia, anche se mai l’avrei detto possibile. Se intorno a noi si creasse un po’ più di solidarietà anche laddove può sembrare impossibile? Se ci lasciassimo andare un po’ di più anche in quelle situazioni che non diresti mai? Con il tempo, e nonostante gli standard di snobbismo, ho deciso di cercare comunque di vivere il nuovo quartiere dove mi sono trasferita. E anche se mi sento un pesce fuor d’acqua, ho conosciuto persone interessanti. Ora andare a bermi il caffè sotto casa è un diversivo che può aiutare una brutta giornata.
Nella vita occorre coltivare entrambe le sponde: quelle che ti confermano e quelle che ti rimettono in discussione. Non bisogna mai rimanere troppo a lungo seduti sulla riva del fiume a piangere.
Quindi tra il cinismo di quelli che “tanto hanno già capito tutto della vita..” e l’incoscienza degli altri che vivono una realtà ovattata fatta di sogni irrealizzabili, io scelgo la prudenza coraggiosa di farmi guidare dalla realtà attraverso il mondo dei miei desideri 😉
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=7v8zxoEoA_Q&w=420&h=315]

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Colazione (ovvero: chissà perché) | Diario di una ragazza (non troppo) per bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *