Lettori/Scrittori: PT (promoting himself) Part2

“ma quindi con la quarta tipologia qualche scambio interessante l’hai avuto!?.. cioè “poi chissà”?
io ho provato solo tinder, a parte aver sbirciato le altre piattaforme ma sul versante gay dal profilo di un amico..
mi piace tantissimo quello che dici a proposito dell’essere promoter di se stessi (capisco perché anch’io mi sento allo stesso modo)
cosa che mi pare invece in contro tendenza nell’universo maschile..cioè molti fanno i duri…quelli che non devono chiedere mai (figuriamoci iniziare una chat… o invitarti fuori…), ma allo stesso tempo sono super narcisisti..cioè insicuri…
ovvio che ti pubblico in anonimato!!
hai un nick di preferenza?”
e lui:
“Risalgo la china delle domande/riflessioni dal fondo. Ho pensato di prendere in prestito uno dei nick che utilizzavo in passato poi mi son detto “perchè non coniare un soprannome nuovo che dia un taglio più appropriato alla conversazione intavolata?”. Giocherò con l’unica lingua straniera in cui mi destreggio discretamente bene: Puzzled Together (PT). Puzzled, perplesso insieme (together) a colei che aprirà quella porta e si troverà di fronte un individuo che non conosce; ma puzzled allude anche alla sensazione di disorientamento e di confusione che ti coglie davanti ad una persona potenzialmente interessante (quarta tipologia). Infine, la parola puzzle richiama il divertimento di comporre centinaia di tasselli inizialmente messi alla rinfusa, cercare di incastrare i pezzi uno con l’altro seguendo il disegno originale… Carattere, sfumature, pregi e difetti, le particolarità che rendono unico ciascun essere umano. Non è proprio ciò che compiono insieme due persone quando tentano di approfondire un rapporto?

Concordo con le tue conclusioni sul fatto che l’essere molto narcisisti sia collegato ad un’insicurezza di fondo. Non la naturale e classica palpitazione da primo appuntamento (per dare un’esempio concreto) ma intendo una sorta di appassimento. Ecco, può darsi che molti abbiano perso i petali e la ventiquattrore da promoter!!
Ebbene sì, ho avuto qualche scambio interessante con fanciulle del quarto tipo; non amo molto raccontare il mio passato. Non perchè quest’ultimo sia bieco o torbido ma ritengo sia più benefico vivere nel presente. Mi concedo uno strappo. L’incontro più significativo è avvenuto con A2 (nessun perchè please), nell’estate del 2010… Stavo attraversando un periodo di stallo con l’università quando conobbi A2 e scoppiò un amore straordinario. Un amore è valido se permette di realizzarsi, di dare il meglio di noi stessi e così fu. Purtroppo però la forza dell’amore si scontrò con sue problematiche di natura psicologica che pian piano uccisero la relazione. Superare quelle problematiche era l’impresa impossibile; impresa affascinante (specie perchè era un’impresa incarnata da un bel viso, fisico e da deliziosi modi di fare) ma di fatto sterile. A2, affondata

PS: davvero hai studiato filosofia come riporta il blog? Secondo me no. Sarebbe carino tracciare una linea a matita, tipo questa ——— oltre la quale Serena(non)mente ;-)”

 

 

allora…

effettivamente non ho studiato proprio filosofia, ma comunque stavo nella facoltà di lettere e filosofia, e giuro che di filosofia ne ho studiata tanta (anche se magari non sembra)

anyway

entrambe le categorie (narcisisti e promoter) rappresentano uomini che credono in se stessi (o almeno più ci credono per davvero e più riescono nel loro ruolo)

ma differiscono in questo:

i narcisisti per natura snobbano i tuoi desideri (esistono solo i loro)

i promoter per natura snobbano il tuo pudore

 

forse dovrei essere più pudica (parlo delle emozioni!)

forse dovrei farmi desiderare di più, dicono funzioni…

ma non ce l’ho mai fatta, ho sempre soprattutto desiderato…

 

sotto sotto PT (che mi sembra un gran promoter) nasconde qualche piccola ferita che gli conferisce quel tocco di nascisismo che non guasta

cioè

se il narcisismo lo tiriamo fuori con ironia per raccontare di quegli aspetti anche amari della vita è una cosa bella e che fa bene (perché anche un po’ ci protegge dagli sguardi indiscreti)

se invece lo tiriamo fuori per nascondere l’insicurezza, uccide qualsiasi cosa nella relazione con l’altro

 

perché poi il bello semmai (anzi quasi sempre) è la via di mezzo

e cioè (almeno nel mio caso) riuscire ad essere timidi senza pudore

😉

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=DDjlaN-X8-0&w=560&h=315]

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *