Mai dire mai

Se lo fosse sarebbe una storia clandestina: questa condizione pone il primo impedimento. Vivono in due mondi distanti, come in epoche diverse: questo è il secondo, ma forse più importante, preponderante e imprescindibile.

eppure, eppure. C’è un filo che li lega, trasparente a tutti forse, ma così importante per loro, irresistibile, nel vero senso del termine. E’ un legame che non si piega e non si spiega, che esiste a priori, una condizione che esisteva ancora prima che si conoscessero sulla quale si sono trovati connessi, è un incrocio obbligato forse.

E succede per tutti (quelli a cui accade) nello stesso modo: incrociando lo sguardo, e perdendosi l’uno nell’altro, i confini che si abbattono improvvisamente lasciandoti esposto e impotente di fronte a questo legame.

E’ un vortice di emozioni che li segue durante l’intero arco delle lunghe giornate, anche quando non si vedono. Si svegliano e ci pensano, si addormentano e ci pensano, mangiano, bevono, ridono, lavorano, si stufano e ci pensano. E’ un sottotesto perennemente presente che non fora mai veramente la superficie delle loro rispettive normalità. È una cosa che sanno solo loro e custodiscono gelosamente.

E’ la dimostrazione evidente che le cose intorno a noi possono andare decisamente oltre quello che vediamo. E’ la dimostrazione che abbiamo un quinto senso che non corrisponde a nessuno degli altri: non è vista, non è tatto, non è udito né gusto, e neppure tutti assieme. anzi sono tutti i sensi messi assieme più qualcosa d’altro. E’ qualcosa che ci guida, ma chissà dove. E’ la paura che ci spaventa e l’eccitazione del coraggio di affrontarla, messe insieme. un’esplosione che non smette mai di innescarsi.

Si vedono a volte, così un po’ per caso. Prima da lontano, poi sempre più da vicino. Si dice che da vicino nessuno è normale, qua invece è successo proprio il contrario. C’è stata solo un’occasione per avvicinarsi e lasciarsi andare. Ma è stata un bomba lanciata in piscina. Adesso aspettano entrambi, tornati ognuno al loro posto a guardarsi da lontano, aspettano che le cose tornino al loro posto, che tutto si asciughi, sperando al contempo però che al più presto ci sia una nuova occasione. Sono attimi che danno da vivere a una vita intera…

e il sesso non c’entra nulla (o quasi).

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *