Tag : fotografi

Frangar non flectar: cannata (anche se mi sento la migliore del mondo). #scontriamilano

Ok ormai è una cosa che posso ahimè dar per assodata. Il mio blog è un problema per la mia vita sentimentale (o forse no…cioè dipende dai punti di vista).

L’altro giorno su fb leggevo una cosa che non sapevo. Non si dice “mi piego ma non mi spezzo”, bensì il contrario “mi spezzo, ma non mi piego” , infatti poi ho cercato e ho trovato il proverbio latino: frangar non flectar..cioè voglion dire due cose ben diverse…e comunque non lo sapevo…sempre pensato fosse il primo.

Anyway

Proverbio azzeccato a riguardo della mia vita sentimentale incrociata col blog.

Cioè mi spezzo perché mi dispiace (quando dico a uno del blog e questo sparisce dalla mia vita), anche se progressivamente ci faccio l’abitudine, e tutto sommato inizio ad avvertire la percezione di una nuova fiducia in me stessa, nonostante i molteplici insuccessi, e appunto non mi piego…cioè proseguo a scrivere.

La furbata della keyword tinder che attira un sacco di visite al blog (ma diciamolo povere qualitativamente) ha turbato l’equilibrio con cui scrivevo fino a qualche tempo fa, quando le visite al blog erano più povere quantitativamente ma decisamente più ricche qualitativamente (tipo il rapporto visite/visitatori).

Effettivamente una delle cose più preziose che mi lascerà questo blog sono le statistiche, la maggior parte inerenti appunto la keyword “tinder”, ma inaspettatemente rivelatrici di qualcos’altro…come una piccola finestra aperta sul <3 di un sacco di persone da ogni dove…presuppongo però tutte italianofone.

<3

un po’ di orgoglio nazionale in fondo non può farci così male.

Io non ho mai fatto pubblicità a nessuno, a parte involontariamente a tinder forse…o forse no (dipende dai punti di vista)

Figuriamoci all’Italia…

ma ci sono due tizi che quasi quasi mi fanno cambiare idea

(mai stata una molto nazionalista…)

Ci sono due tizi che fanno delle strane opere d’arte che poi espongono in giro per le città.

Cose tipo questa:

panettone

o questa:

panettone2

Altre sono invece più provocatorie tipo questa:

water2

Sottosotto, però, le prime due sono più provocatorie

Il finto panettone insomma è carino e decorativo…ti verrebbe voglia di addentarlo, ma ci provassi ahitè sgranocchieresti cemento armato. “E’ così appetibile quindi il cemento armato?”…. viene da domandarsi se ci si sofferma a riflettere.

La seconda che sembrerebbe dire che l’italia naviga nella merda, esprime invece orgoglio nazionalista…cioè quella mano rappresenta lo sforzo per innalzare e mantenere la bandiera italiana al di sopra della merda. Il colore azzurro che contrasta ce lo ricorda, anche se potrebbe indurre a interpretare in senso opposto l’opera d’arte (non è che dico a caso -opera d’arte-)

Scusate le volgarità che solitamente ammetto e talvolta anche apprezzo, ma solamente nella comunicazione orale, qua è particolarmente calzante visto che si tratta proprio di merda, cioè non è solo una metafora.

Anyway

E’ iniziata expo

Tre indizi me l’hanno suggerito

Improvviso aumento di giovani tedeschi e francesi in giro per il quartiere

Elicotteri che svolazzano

E il casino della mayday ieri che è passata dalle mie parti…

Che storia scontata

Non so voi, ma io (che di solito sono una spettatrice incallita) quest’anno invece boicotto tutti: mayday e expo

Che poi ovvio l’expo una volta me l’andrò a vedere, ma non ci credo. Ma non in generale, facevano cose incredibili e spettacolari nel XIX sec all’esposizioni mondiali. Non credo proprio in questa specifica, italiana, ma che sia un’occasione per riflettere a questo credo fermamente. E concordo con i ragazzi di Urbansolid, quelli delle foto sopra (https://www.facebook.com/urbansolid/timeline)…. cioè per far riflettere bisogna essere accattivanti, non andare in giro a spaccare le città, appunto semmai abbellirle.

Prima mi sono fatta un giro su internet…cercando video degli scontri di ieri a milano

Un paio di considerazioni… ma nessuna sul ruolo dei violenti (guardando questi video si vedevano sti tizi incappucciati circondati da fotografi che li riprendevano…io smorzerei invece il loro narcisismo).

Andate al min 3:17 (fin verso 3:55) di questo link per capire cosa intendo…linko un video poco cliccato…ce ne sono alcuni che hanno fatto un sacco (mila mila) di visualizzazioni in una sola giornata…per dire immaginate i guadagni… anyway:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=ifiVlkNp-xg&w=560&h=315]

capisco benissimo la passione dei fotografi circostanti il tizio che spara non so bene cosa (sembrano petardi)…capisco la passione per i reportage. Ma già che sei lì a rischiare il culo, io mi sarei avvicinata al tipo, avrei provato a dirgli qualcosa…cioè non so tipo…”ma guarda: evita! non è il modo giusto per dire nessuna cosa quello che stai facendo” ovvio magari non m’avrebbe ascoltata, anche qua però forse c’entra la seduzione (in senso lato).

Bisogna essere decisamente più seduttivi nei confronti del prossimo. E’ una pratica relazionale più efficace, divertente e intelligente rispetto quella di alzare barriere

anyway

il min 3:18 del video a me sembra un set cinema(fo)tografico…. oppure tipo quando guardi un film del terrore e ti viene da parlare agli attori: “oh guarda! Voltati…voltati…voltati! Sennò sei morto!!”

e invece nessuno fa niente…(ma tutti assistono)

il tizio incappucciato in mezzo alla piazza con tutti che lo fotografano di fronte ad una folla di caschi mi sembra… non so… una cosa hollywoodiana

questo ahimè credo non faccia onore a nessuno: fotografi, incappucciati e forze dell’ordine (come tutti costretti in un ruolo troppo rigido). E chiedo anticipatamente scusa a tutte e tre le categorie…non è mia intenzione offendervi, forse solo una conseguenza involontaria del racconto della sensazione suddetta. Cioè poi cmq parlo di Categorie, non di singole persone (ci mancherebbe)

ma neanche a me fa onore che stavo sdraiata sul divano …per me il senso civico è importante, se non c’ era nessuno a provare a sedurre quell’incappucciato, allora vuol dire che neanche io ero presente.

Ok, l’anno prossimo vado, e se ne incontro uno glielo dico (con fare accattivante): evita!

(tutta questa riflessione è un po’ come una battuta ma in fondo molto seria)

Cmq un’altra considerazione seria sugli scontri a milano: a me non interessa se hanno fatto bene o male a non caricare i manifestanti, però mi torna in mente genova.

Cacchio… ma allora… se è possibile evitare di massacrare le persone (incappucciate o meno intendo) nel momento emergenziale della guerriglia urbana tipo ieri, sarebbe stato possibilissimo evitare di farlo nel 2001…come successe in caserma o alla diaz! evidentemente c’era ampia libertà di scelta…cioè forse c’è praticamente quasi sempre libertà di scelta

Anyaway

Io il blog tornassi indietro rideciderei di farlo altre mille mille volte…

Già

il mio blog però parla di sesso, e oltre quello in realtà d’amore,

ma soprattutto condanna l’odio (sia ben chiaro)

sempre

e per sdrammatizzare il tutto posto questa canzone

(il senso delle parole lascia a desiderare, ma l’appeal melodico…quello c’è tutto…)

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=kv1gBViFIX4&w=560&h=315]

Categorie: About me