Tag : gpl

Arretrati: Strategie d’evasione (questo post non ha un senso vero e proprio ma è il risultato di un’improvvisa impellenza narrativa)

Mi sono fermata al centro…non so se posso andare a rifornirmi a destra, stanno tutti a sinistra. Quindi mi sono fermata al centro, aspetto che il tizio che serve la benzina finisca di farsi pagare, poi gli chiederò se posso mettermi a destra.

Ma nel frattempo arriva lui….il cazzone furbetto. E’ chiaro che mi sono messa in mezzo aspettando di capire da che parte andare, ma lui ne approfitta e mi supera.

E qui apro una parentesi: a me non interessa passare da rompicoglioni, quando qualcuno sbaglia glielo dico. La stessa severità cmq la indirizzo anche verso me stessa…ho questa cosa del senso civico che mi preme.

Una sera ero in un locale con il principe…ero andata a prendere due cocktail da berci insieme e stavo tornando al tavolo (per dire che il principe me lo sono davvero un sacco corteggiato <3)

Uno dei due calici, entrambi pieni fino all’orlo, oscilla e un po’ di vodka tonic cade sul pavimento …quindi appoggio i bicchieri al nostro tavolo e torno indietro, prendo due fazzoletti, pulisco a terra. Torno al tavolo e il principe mi dice: “sei la prima persona nella mia vita che vedo fare una cosa del genere”

 

Addirittura?

 

Cmq principe quando una persona per la prima volta ti comunica qualcosa di nuovo…bè principe potrebbe essere amore…

 

(Ma cmq il principe l’ho rimandato al mittente…cioè alla sua idea del cazzo di destino e di uomo depresso. Ho messo dei limiti)

 

Torniamo al benzinaio…(che poi mi rifornisco di gpl e le code sono sempre lunghe perché tutti fanno sempre il pieno)

 

Cmq insomma sto cazzone furbetto esce dalla macchina e glielo dico.

Tranquillamente, senza urlare ma a voce alta (tutti possono sentire): “complimenti, sei proprio un cazzone furbetto”

Lui mi guarda, ascolta ma non risponde.

Il benzinaio e un altro conducente in attesa si mettono a ridere. Poi il cazzone furbetto se ne va…. “No… ma hai fatto bene…”

Al benzinaio in realtà l’ho dovuto spiegare cos’era successo…perché non aveva capito.

Anyway

l’intervento comunque mi era uscito bene, col tono giusto ecce ecc.

Ora, questa cosa di dire le cose è importante, e soprattutto per la forma che si utilizza, più che per la sostanza.

Cioè la sostanza è importante ma nella comunicazione è forse più importante la forma, cioè le strategie di convincimento, cioè l’abilità di essere accattivanti. E’ come nel linguaggio…ok quello che vuoi dire, ma soprattutto ti serve un codice per capirti con gli altri.

Anyway

Siccome ho un po’ di riflessioni in sospeso faccio un attimo di confusione

Non è che abbia consigli da fornire su come essere accattivanti. Anzi, mi sono sempre sentita goffa e poco affabile…provarci c’ho sempre provato, e magari nel tempo sono anche migliorata, ma non è una cosa che ho nel sangue. C’è a chi riesce decisamente meglio.

Per questo credo mi piaccia così tanto scrivere questo blog. Cioè qualcosa di molto personale e poco altruistico, come un po’ uno sfogo…non mi interessa di quello che la gente “potrebbe pensare” o almeno non di più di quanto invece mi interessi sfogarmi liberamente.

Ma poi un blog è un blog…una serie di temi…come a scuola…solo che scegli tu il titolo, sempre. E non c’è nessun voto, perché nessuno è unilateralmente deputato a sentenziarlo. Siccome però siamo stati abituati ad essere “votati”…fa strano che questa sentenza non arrivi mai. E quindi continui a scrivere, aspettando però sotto sotto un giudizio finale, tipo universale…

visto che poi la rete ….cioè si tratta di un giudizio universale non tanto perché tutti sono giudicati ma piuttosto perché tutti possono farlo con te

anyway

(è la prima volta che lo sottolineo…per dire la difficoltà del momento…)

questo davvero è più un libero sfogo che un post

scusate

le cose cmq (volevo dire) vanno dette e pure nel modo giusto. Certo spesso la paura di essere fraintesi o anche manipolati nella discussione è un problema…ma insomma ok un po’ di prudenza, no la paura (paura e prudenza spesso si escludono a vicenda)

cioè smettiamo di aver paura del giudizio degli altri…anzi proprio sbattiamocene…cosa può avere uno di tanto orribile da nascondere? (mi auguro nulla)

Però con prudenza moduliamo i messaggi che mandiamo…

Cioè sbattiamocene della sostanza quella è nostra e della nostra “buona ragione”…

la forma quella invece… già forse è una gabbia…non se ne esce

but

piuttosto che tentare di aprirne la serratura, iniziamo a costruire un tunnel…insomma un’uscita alternativa..

una strategia d’evasione

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=7pqYTTW4hKk&w=420&h=315]

 

 

 

Categorie: About me